DA DOVE VIENE LA STELLA DI NATALE?

L’Euphorbia pulcherrima, conosciuta comunemente con il nome di Stella di Natale  della famiglia delle Euphorbiaceae, nasce in territorio messicano ed è quindi una pianta idonea soprattutto ad ambienti ben riscaldati, con temperature non inferiori ai 14 gradi. Anche se normalmente siamo abituati a vedere stelle di natale di dimensioni ridotte, queste piante possono raggiungere in natura anche i 2 metri di altezza.

stella-natale-rossa

 Una delle caratteristiche principali delle stelle di Natale sta nella fioritura anche se, in realtà, quelli che siamo abituati a considerare comunemente i fiori sono le foglie, dette brattee, che assumono il noto colore rosso acceso in particolari periodi dell’anno. In realtà, i veri fiori della stella di Natale sono quelli di colore giallo all’interno, mentre le parti di colore rosso sono foglie che possono essere anche rosa o bianche. La stella di Natale è una pianta periodica, regola cioè la sua fioritura ed altre funzioni vitali come la fotosintesi sulla lunghezza del giorno e quindi sull’intensità e sulla quantità di luce che le arriva.

La Stella di Natale era coltivata già da Indios e Aztechi per cui era un fiore simbolo di purezza il cui colore rosso intenso riportava alle gocce di sangue di una dea morta per amore.

 

La popolarità in Italia è arrivata soltanto due secoli fa, quando venne usata per adornare la Basilica di San Pietro, ma ora secondo i dati ufficiali, ogni anno, se ne vendono circa 20.000.000 di esemplari!

La sella di Natale rappresenta il rinnovamento e la speranza, proprio per questa ragione è tipica delle feste natalizie ed è una perfetta idea regalo!

 Ogni anno sotto le Feste, è la pianta più regalata e che meglio di tutte riesce a creare la giusta atmosfera! Si possono scegliere le Stelle di Natale con le foglie rosse o bianche, ma in entrambi i casi hanno di piccole attenzioni per poter restare belle a lungo.

stella-bianca

La Stella di Natale ha bisogno di poca acqua: è una pianta di origine Messicana che deve essere annaffiata solo quando il terreno è quasi asciutto. Bisogna inoltre fare davvero attenzione a non lasciare dei ristagni d’acqua che sono per la pianta davvero letali. Inoltre fate attenzione a non bagnarne le foglie.

 La Stella di Natale farà un po’ il giro della vostra casa: in base alla stagione cambia infatti il luogo in cui deve essere messa! Durante le Feste di Natale potete tenerla in casa: scegliete una stanza ben illuminata e cambiate spesso l’aria. Non mettetela però a diretto contatto con la luce del sole: durante l’estate mettetela all’aria aperta e in una zona ombreggiata: ritiratela con l’arrivo dell’autunno.

stella-rossa-natale-segnaposto-faidate

Dopo le feste spesso le stelle di Natale fanno una brutta fine, ma è un vero peccato! Si tratta infatti di una pianta che riesce a sopravvivere anche in estate: tuttavia farla rifiorire non è molto semplice. Aspettate che cadano le foglie rosse e poi tagliare i rami che sono fioriti circa a fine febbraio: tagliate via circa una decina di centimetri di ramo. Tenetela quindi all’ombra durante l’estate e a settembre concimate il terreno. Se siete fortunati i fiori si apriranno sul finire di settembre.

Il segreto per fare rifiorire la Stella di Natale

Un ultimo accorgimento per riuscire a far rifiorire la Stella di Natale è metterla al buio! Da settembre a ottobre, dalle 5 di pomeriggio alle 7 di mattina ricordatevi di mettere la Stella di Natale in un luogo completamente buio. Durante il giorno rimettetela nella sua posizione originaria in una zona luminosa: in questo modo avrete più probabilità di aver fiori  bellissimi.

Regala e regalati delle stelle di natale per allietare le tue festività donando un tocco floreale ad una stagione monocolore.

ghirlande

Potrai creare bellissime ghirlande o anche dei centrotavola oppure dei segnaposto con dei singoli rami di Stelle natalizie

stella-natale-rossa1

Metti all’opera la tua creatività e Buon Natale!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *